Powered by Sistema ARGO

Additive Manufacturing

L’espressione “tecnologie additive” comprende “tutte quelle operazioni che aggiungono materiale per arrivare alla creazione di un manufatto. Esempi tipici di queste, nell’interpretazione tradizionale, sono la saldatura e la fonderia (con le sue numerose varianti). Le tecnologie additive sono utilizzabili per la lavorazione di una vasta gamma di materiali.

Nel recentissimo passato, tuttavia, la definizione ha iniziato a contraddistinguere una serie di nuove tecnologie in grado di realizzare, mediante “aggregazione” di polveri (metalliche, polimeriche o di altra natura), parti caratterizzate da geometrie complesse e ottenute in modo “near net shape” a partire dal modello matematico definito nei sistemi CAD.

Tra queste, quelle maggiormente riconducibili alle produzioni tipiche della macchina utensile utilizzano fasci di elettroni o raggi laser per sinterizzare o fondere polveri di vari metalli (titanio, alluminio e altro) o materiali polimerici.

Le tecnologie additive permettono di slegarsi dalle classiche regole del “design for manufacturing”, a loro volta collegate a doppio filo ai tradizionali processi delle tecnologie meccaniche.

Da ciò deriva la possibilità di:

  • accorciare la catena produttiva per realizzare prototipi funzionali o, meglio, prodotti personalizzati in piccole o piccolissime serie (e/o di lavorare materiali inconsueti);
  •  ridurre/eliminare fasi di assemblaggio, dando origine, per esempio, a parti complesse senza necessità di saldature, a veri e propri cinematismi;
  • creare feature geometriche molto complesse e di difficile/impossibile creazione con altre tecnologie.

Con le tecnologie additive è altresì possibile lavorare i materiali di difficile fusibilità (leghe per alta temperatura, compositi metalloceramici), ridurre scarti e sfridi di lavorazione, migliorando altri processi industriali e permettendo la realizzazione di attrezzature più efficienti (p.e. stampi conformant cooling).

Questa connotazione fortemente “manifatturiera” contraddistingue le tecnologie additive e le macchine/processi connessi dalla cosiddetta “stampa 3D”, legata essenzialmente al mondo dei “maker” e comprendente i cosiddetti “artigiani digitali,” le applicazioni di natura ludica e di personal manufacturing condotte a livello domestico o similare”

(fonte: AITA)

I NODI SUL TERRITORIO CHE TI POSSONO AIUTARE