Powered by Sistema ARGO
9 gennaio 2020

Intelligenza artificiale: un corso gratuito offerto dalla Finlandia per tutti i cittadini EU

Il governo finlandese di Sanna Marin offre a tutti i cittadini europei un corso gratuito sull’intelligenza artificiale.

La decisione di estendere ai cittadini dell’EU il programma “Elements of AI” già attivo in Finlandia dal 2017, è stata presa presa il 10 dicembre 2019 a Bruxelles, a margine della riunione dei ministri del lavoro del UE, ed è inserita nel quadro delle azioni della presidenza del consiglio dell’Unione Europea, assunta dalla Finlandia dal luglio del 2019.

Il corso ha come obiettivo quello di coinvolgere l’1 per cento dei cittadini europei (circa 5 milioni di persone) ed è una prima risposta alle numerose sfide ed esigenze legate al mondo del lavoro che l’Europa deve fronteggiare. Da una parte la digitalizzazione del lavoro e dell’economia richiedono un aggiornamento e una formazione continui, dall’altra per utilizzare al meglio l’intelligenza artificiale, sempre più importante nel mondo del lavoro, sono necessarie competenze digitali che molto spesso mancano tra i cittadini dei Paesi EU.

L’esigenza di una strategia di ampio respiro e l’enorme successo del programma tra i finlandesi (ne avevamo parlato QUI), ha spinto i vertici dell’EU a estendere l’accesso al programma a tutti i cittadini europei.Come ha spiegato Timo Harakka, ministro del Lavoro della Finlandia, “I cambiamenti nel mercato del lavoro, la digitalizzazione e la crescente competizione globale significano una sola cosa per l’Unione europea: bisogna investire nelle persone. Ogni cittadino europeo deve avere l’opportunità di un apprendimento permanente, indipendentemente dall’età e dal background scolastico“.

Le lezioni, per ora disponibili in inglese, svedese, estone e finlandese, saranno presto disponibili in tutte le lingue ufficiali Ue, e consentono di acquisire concetti elementari con brevi test alla fine di ogni sezione e comprende diversi aspetti da quelli più strettamente tecnici (machine learnig, reti neurali e formula di Bayes) alle implicazioni sociali dell’intelligenza artificiale.